Scelte rapide:

Sei in: home page › notizie › iniziative ed eventi › centri regionali di stoccaggio del latte, sedilo si propone come capofila


Centri regionali di stoccaggio del latte, Sedilo si propone come capofila

Immagine rappresentativa per: Centri regionali di stoccaggio del latte, Sedilo si propone come capofila

L'idea Ŕ quella di realizzare un centro raccolta, stoccaggio, pastorizzazione e vendita del latte, per contrastare lo strapotere degli industriali sardi.

Si intende procedere alla realizzazione di una associazione tra i produttori di latte e carne dei vari comuni limitrofi a Sedilo, per poter dare vita ad un centro raccolta, stoccaggio, pastorizzazione e vendita del latte, per far fronte allo strapotere degli industriali sardi.

Tale opportunitÓ, consentirÓ di stoccare il latte per pi¨ giorni, venderlo nella penisola e, possibilmente, anche all'estero.

Non accadranno pi¨ episodi in cui il singolo pastore si rivolgerÓ all'industriale per la vendita del latte, ma sarÓ quest'ultimo che si rivolgerÓ all'associazione per averlo, ribaltando cosý le modalitÓ di contrattazione a vantaggio dell'offerente.

Tutti i pastori dei comuni interessati che vorranno aderire all'iniziativa dovranno consultarsi e, per ogni 20 di loro, nominare un delegato che li rappresenterÓ alle riunioni che si terranno in seguito nei vari comuni. Anche i comuni a loro volta nomineranno un loro delegato che potrÓ anche essere un pastore. I comuni ove non siano presenti almeno 20 pastori avranno la possibilitÓ di aggregarsi ad altri in modo tale da raggiungere il numero minimo per essere rappresentati. Entro settembre si dovranno avere il massimo delle adesioni possibili, anche da parte di tutti i pastori liberi della zona.

Successivamente i delegati terranno delle riunioni per redigere lo statuto con le regole ed i doveri a cui ogni socio dovrÓ sottostare: quota d'iscrizione, penalitÓ per coloro che rescindono il contratto, senza una giusta motivazione, etc. Dopo che tutti i soci aderenti avranno visionato e approvato lo statuto, si provvederÓ a legalizzare il tutto presso un notaio.

[19 settembre 2010]

Condividi su

  • Condividi su Facebook
  • Condividi su Twitter
  • Condividi su Indoona